Spedizione gratuita da € 39,90 in Italia e € 99,90 in Europa!
Corriere espresso 24/48 ore | Pagamenti sicuri
Spedizione gratuita da € 39,90 in Italia e € 99,90 in Europa!
Corriere espresso 24/48 ore | Pagamenti sicuri

La magia del Festival dell’Oriente

In: Eventi data: Hit: 165

È in corso l’edizione barese 2016 del Festival dell’Oriente presso la Fiera del Levante. Una manifestazione per esplorare l’Oriente da molteplici punti di vista: cosmetico, gastronomico, manifatturiero, sportivo e musicale.

Accolti dalla ballerina e insegnante di danza orientale Jamilah, i visitatori hanno ieri inaugurato il weekend all’insegna del benessere e del relax. Creme alla bava di lumaca, al veleno d’api e alle rose, saponi artigianali tra cui il noto sapone di Aleppo e numerosi oli solidi per la cura del corpo. Dalle dimostrazioni pratiche delle più rinomate tecniche di massaggio (linfodrenante, shiatzu, svedese, arabo, shiro vasti, ecc.) sino all’abbigliamento “naturale”, dalle spezie alla gastronomia.

Tra i prodotti più originali, i sandali da massaggio realizzati con pietre naturali, che stimolano la circolazione sanguigna di piedi e gambe, oltre ad attivare i punti riflessi nei piedi (la riflessologia è un’antica pratica di medicina alternativa che consiste nel massaggiare varie zone del corpo, ognuna collegata a determinati organi) e alleviare così la stanchezza.

Cambogia, Cina, Birmania, Corea del Sud, Giappone, Indonesia, Malesia, Mongolia, Nepal, Tibet, India e Bangladesh: tutti insieme per promuovere l’Oriente e la sua ricchezza attraverso una spiritualità che permea ogni aspetto della vita delle sue popolazioni . Le atmosfere della danza del cinema Bollywoodiano e il ritmo della danza indiana Kuchipudi fanno da sottofondo.

Un gioco cromatico di kimoni, cappelli tipici vietnamiti, tappeti persiani e pashmine caldissime. Il sorriso dei suoi protagonisti e la loro bellezza scaldano il cuore, che sussulta dinanzi alla statua dell’attore e artista marziale Bruce Lee… che insegnava:

“Il passato è un'illusione. Devi imparare a vivere nel presente e accettarti per quello che sei ora.
Quello che ti manca in flessibilità e in agilità devi acquisirlo con la conoscenza e la pratica costante”
Namasté.