Spedizione gratuita da € 39,90 in Italia e € 99,90 in Europa!
Corriere espresso 24/48 ore | Pagamenti sicuri
Spedizione gratuita da € 39,90 in Italia e € 99,90 in Europa!
Corriere espresso 24/48 ore | Pagamenti sicuri

Olio di canapa e olio di CBD: l’elisir della Cannabis Sativa

Idratanti, antirughe, antinfiammatori: l’olio di canapa e l’olio di CBD (olio di cannabidiolo) sono sempre più utilizzati per formulazioni cosmetiche di qualità a base di Canapa o Cannabis Sativa.

Dal colore verde chiaro con sfumature più intense, l’olio di canapa ha un odore marcato e un sapore simile a quello delle nocciole. Si ottiene dalla spremitura a freddo dei semi della Cannabis Sativa e viene utilizzato sia in campo alimentare che cosmetico. È ricco di sostanze che apportano numerosi benefici alla nostra salute e alla nostra pelle, tra cui gli acidi grassi antiossidanti Omega-3 e Omega-6, i minerali e le vitamine (E, B1, B2, B6).

Il cannabidiolo o CBD, uno dei componenti non psicoattivi della Cannabis Sativa, si estrae dai fiori invece dall’estratto sia dai fiori che dalle diverse parti della pianta con un solvente liquido, CO2 oppure a base oleosa; il solvente si chiama olio vettore (olio di canapa, olio di cocco, olio d’oliva, etc). Si ottiene così l’olio di cannabidiolo o CBD che può essere lavorato ancora per ottenere l’isolamenti di cristalli puri di CBD. Grazie al cannabidolo e agli altri componenti prodotti naturalmente dalla canapa quali i fitocannabinoidi (i più comuni sono THC, CBG e lo stesso CBD), terpeni, flavonoidi e stilbenoidi, questa pianta è utilizzata a scopo terapeutico da millenni, ad esempio per curare malaria, stipsi e gotta.

Olio di canapa e l’olio di CBD rendono la pelle più morbida ed elastica, contrastando i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare e agiscono sulle rughe, levigandole; hanno anche un alto potere antinfiammatorio e “potenzialità per il trattamento di molte patologie cutanee, tra cui l'acne vulgaris, la dermatite allergica da contatto, la dermatite asteatotica, la dermatite atopica, …” come si legge nella ricerca “Cannabinoids in dermatology: a scoping review”, edita a giugno 2018 sul “Dermatology Online Journal”.

La Canapa o Cannabis Sativa (intesa come legale o light) non deve essere confusa con la marijuana perché, sebbene appartengano alla stessa specie vegetale, contengono diversi quantitativi di tetraidrocannabinolo o THC, sostanza psicotropa presente in alta percentuale nella seconda. In Italia la produzione di cannabis sativa legale è regolata dalla legge Legge sulla Canapa del 2 dicembre 2016, n. 242, che stabilisce il limite dello 0,2% per la percentuale massima di THC con tolleranza fino allo 0,6%. Il 30 maggio scorso, una sentenza della Cassazione ha stabilito che la vendita o la cessione a qualunque titolo dei prodotti «derivati dalla coltivazione della cannabis», come l’olio, le foglie, le inflorescenze e la resina non è legale e non rientra nell’ambito di applicazione della Legge 242 del 2016. Ci sono molti dubbi e vuoti normativi a riguardo e il problema principale riguarda le concentrazioni di THC.

L’olio di canapa non contiene né CBD né THC, mentre l’olio di CBD può contenerle in percentuali minime. Quello contenuto nel nuovo prodotto Pugliami viso e corpo, idratante e antiage, La Crema del Trullo, non contiene THC. Condividiamo il pensiero di Carl Sagan, astronomo e scrittore di scienze popolari: "L’illegalità della cannabis è scandalosa, ostacola il pieno utilizzo di un farmaco che aiuta a portare la pace e la saggezza, la sensibilità e l'amicizia di cui si ha disperatamente bisogno in questo mondo sempre più pazzo e pericoloso”.