Cosmesi green: le regole di certificazione

Non ci sarà uno standard Europeo unico per quanto riguarda la cosmesi green dal 1 gennaio 2017.

Dicembre 8, 20161 Minutes

L’Associazione internazionale per la tutela della bellezza naturale, bio e certificata NATRUE, da sempre attiva contro il fenomeno del greenwashing, fa il punto sugli standard di certificazione per il 2017.

Nessun sostanziale cambiamento, dunque, nel settore della beauty naturale, bio e certificata. I cosmetici green continueranno a seguire le normative europee in materia di produzione e caratteristiche, non ci saranno quindi
criteri o loghi obbligatori. Gli standard continueranno a essere stabiliti secondo parametri privati e volontari come quello NATRUE, che garantisce la correttezza del processo produttivo e il rispetto di norme rigide per la scelta e l’utilizzo degli ingredienti. Inoltre, il processo di certificazione è svolto da organismi terzi e indipendenti che verificano la conformità dei prodotti garantendo un livello altissimo di naturalità.

«Dal primo gennaio 2017 continueranno a non esserci una definizione ufficiale o criteri e marchi obbligatori in Europa per i cosmetici naturali e biologici. Per consentire ai consumatori di riconoscere con facilità i veri cosmetici naturali e bio da quelli che non lo sono è importante, in fase di acquisto, verificare la presenza di marchi come il nostro NATRUE basato sui rigidi criteri che assicurano un’autentica rispondenza del prodotto», ha commentato Mark Smith, Direttore Generale NATRUE.

Follow by Email
Facebook
Instagram
Telegram
WhatsApp