Cosmesi naturale, bio e anti-inquinamento

Il 92% della popolazione mondiale è sottoposto a un eccessivo inquinamento atmosferico, l'Asia è il Paese più colpito.

Agosto 3, 20203 Minutes

cosmetici naturali, biologici e anche anti-inquinamento per protezione della pelle dall’inquinamento atmosferico sono una tendenza crescente nel settore della bellezza.

Un rapporto recente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che il 92% della popolazione mondiale è sottoposto a un eccessivo inquinamento atmosferico. L’Asia è il Paese più colpito, con la quasi totalità delle prime 30 città più inquinate del mondo. A parte l’impatto sul sistema respiratorio, l’inquinamento atmosferico è legato a varie malattie della pelle, come l’invecchiamento precoce, macchie di pigmentazione, e una maggiore sensibilità.
Inizialmente lanciato in Asia, i prodotti anti-inquinamento per la pelle sono ora in fase di sviluppo a livello internazionale. Seguendo l’esempio delle aziende cosmetiche asiatiche, le grandi multinazionali come L’Oreal e Procter & Gamble hanno sviluppato gamme dedicate per proteggere e curare la pelle dalle sostanze inquinanti.

Procter & Gamble ha fatto squadra con i Royal Botanic Gardens di Kew per sviluppare principi attivi naturali per questo scopo. La tavolozza di ingredienti naturali utilizzati per applicazioni anti-inquinamento si sta allargando. Il tè verde, carciofi, acai berry e moringa sono alcuni degli ingredienti alimentari che si fanno strada nel settore per i loro alti livelli di antiossidanti e/o la capacità di proteggere le cellule della pelle. Il marchio Clarins sta sviluppando piante ‘anti-inquinamento’ per la produzione di principi attivi naturali per la sua linea di skincare. Nuovi ingredienti, come Pristinizer di IRB, sono in fase di sviluppo soprattutto per le qualità anti-inquinamento.

Nonostante il crescente numero di principi attivi naturali, pochi marchi cosmetici naturali e biologici hanno sviluppato gamme anti-inquinamento. Come verrà discusso al Sustanaible Cosmetics Summit, una delle ragioni principali è problemi tecnici connessi con formulazioni verdi. Lo sviluppo di prodotti per la pelle verde funzionali porta le questioni relative alla stabilità, la conservazione e le prestazioni.
Derma E, REN e Tata Harper sono alcuni dei marchi naturali che hanno avuto successo nel far fronte alle sfide di formulazione.La crescente consapevolezza dell’inquinamento atmosferico e il suo impatto sull’ambiente e sulla salute continuano a stimolare la domanda da parte dei consumatori.

Anche se tali prodotti si stanno occupando delle conseguenze dell’inquinamento sulla pelle, la produzione degli stessi cosmetici potrebbe avere un impatto negativo sull’ambiente. I brand naturali e biologici possono invece avere un minore impatto sia sull’ambiente che sulla salute umana ed essere realmente sostenibili.

Follow by Email
Facebook
Instagram
Telegram
WhatsApp